sabato 30 dicembre 2017

|Che Accidenti Ho visto Ultimamente?| Old 37, Auguri per la tua Morte, Saw Legacy, Justice League, Always Watching, Baywatch, Batman: Return of the Caped Crusaders

Credevo di non farcela, ma invece eccoci qua. I mesi di Novembre e Dicembre sono stati pienissimi. Convention (vedi il Milan Comic Con o l'House of Horrors), festività, ferie, lavoro, ma sopratutto film.
Sono almeno una ventina i film di cui vorrei parlare, ma cercherò di andare con ordine, rispettando per ognuno lo spazio che merita. Certo film come Saw Legacy e Justice League potevano avere un post tutto per loro, ma alla fine, come leggerete, non c'è poi molto da commentare. Preferisco invece tenermi un respiro più ampio per cose come Star Wars e sopratutto Jeepers Creepers 3.
Per mancanza di tempo ho saltato il post degli auguri, ma tanto per quei pochi lettori che mi seguono, avranno già visto sulla pagina facebook come abbiamo passato il Natale.
Non dilunghiamoci ulteriomente, e procediamo con i film visionati nel mese di Novembre:

OLD 37

Cercato più e più volte dopo essermi gasato per visto un trailer su youtube. Una delle tante volte, in verità, e come sempre mi sono fregato. E' abbastanza a malincuore quando dico che mi aspettavo qualcosa di meglio da questo Old 37. Non servivano poi chissà quali doti per un film del genere, ne' una trama articolata, ne' grandi effetti speciali. Non serve niente di tutto questo se hai Kane Hodder e Bill Moseley che si credono dei paramedici e raccattano vittime di incidenti stradali sulla loro ambulanza solo per torturarli e finirli. Mi sbaglio? In realtà il film non parte neanche male, presenta un gruppo di teenagers, mentre parallelamente crea un dettagliatissimo background per i due pazzi, ovviamente figli di una famiglia disfunzionale. Peccato però che il film si perde per strada, gira su se stesso all'infinito, per mostrare giusto che 2-3 omicidi, tra l'altro rovinati da un pessimo digitale, e pure con i dettagli fuoricampo. Ma forse sono io che ho preso un bluray orribilmente mutilato, come succede spesso con le edizioni economiche tedesche. Per maggiori informazioni, date un occhio al video che aveva realizzato Pam. Cos'altro dire, c'è Bill Moseley che recita veramente poco, senza nessun picco sopra le righe come ci aveva abituato in passato, mentre Hodder invece, con la sua maschera alla Bane ci delizia sempre con la sua postura alla Jason...e con una splendida imitazione di un gallo ritardato. Cosa vi rimane impresso alla fine? Una frase: "Don't worry. I'm a paramedic." Ripetuta allo sfinimento ovunque, nei flashback, dai villain, dal padre dei villain, persino nella colonna sonora mi pare. Ah, e il finale non c'è. Sul serio, il film -che non arriva a 80 minuti - negli ultimi momenti si conclude con taglio velocissimo. Diretto da Alan Smithee, lo pseudonimo che si usa in america per disconoscere un film. Giustamente in questo caso. VOTO: 2 /5

AUGURI PER LA TUA MORTE

C'è da dire che in fatto di horror le idee scarseggiano sempre di più. Ed è vero anche che ormai è stato detto praticamente tutto, e le uniche alternative che abbiamo sono: Osare di più, mostrando ciò che di solito non vediamo al cinema, oppure mescolare sapientemente cose viste e straviste ma rendendole nuove, un pò come fanno Rob Zombie o Tarantino. Attenzione, intendo davvero mescolare storie e momenti che abbiamo adorato, ma per renderle allo stesso tempo diverse, è necessario veramente essere qualcuno che mangia e defeca cinema, come i due tizi che ho nominato prima. Questo per dire che Auguri per la tua morte- ovviamente- non osa nulla, ma invece opta per la seconda opzione, riprende un film che adoriamo, (una commedia per giunta) come Ricomincio da capo, e la mescola con il filone dello slasher, magari in salsa alla Scream. Il risultato è un prodotto che sicuramente sarà qualcosa di diverso, e come tutte le cose diverse, molti non sapranno come prenderlo, se stroncarlo a priori perchè "puzza di stronzata", o semplicemente perchè non sa dove vuole andare a parare. Bhè, vi dico la mia, Auguri per la tua morte è un film divertente, dove non tutto torna alla fine, eppure ha una protagonista bravissima (Jessica Rothe), talentuosa ma sopratutto espressiva. Seriamente, passa dall'ubriaca, alla scontrosa, spaventata, combattiva, innamorata, tutto nella classica ora e mezza. E pure senza veli mi ha convinto. Poi si, quello che volete, il movente del killer è incredibilmente stupido, quasi come la sua maschera, però di nuovo, secondo me è un film che riempe la serata e ti lascia un sorriso. Vi pare poco di questi tempi? VOTO: 3 /5 


SAW LEGACY

In principio dovevamo vederlo in 31 Ottobre a Roma dopo il nostro incontro con Dario Argento, anche per ingannare l'attesa dell'arrivo del treno. Ma come avevo scritto qua, a Roma i multisala chiudono presto, e siamo rimasti come due idioti. La morale è che ci siamo sparati Saw Legacy nell'Uci Cinema il primo weekend, seguito dal primo Halloween di Carpenter, in una double feature che potete anche immaginare. La domanda di fondo per questo Saw Legacy era: Cosa accidenti vuole raccontare? In una saga dove il villain muore nel terzo capitolo, e si sono trascinati fino al capitolo 7 tra cassettine, voci registrate e flashback, seriamente - cos'altro vuoi mostrarci? La risposta è lì davanti a tutti. Nel titolo. Il film si colloca diversi anni dopo la morte di Jigsaw, e nella rocambolesca scena iniziale assistiamo -senza mezzi termini, all'inizio di un nuovo gioco, per colpa della polizia - che ovviamente si troverà man mano diversi cadaveri senza riuscire a capire in cosa accidenti sono finiti. Il mondus operandi è sicuramente quello di Jigsaw, eppure nonostante sia morto da anni, ci sono prove su prove che rimandano a lui. Ovviamente a noi fan interessano solo due cose - le trappole e il colpo di scena finale. Meglio ancora se a pagare sono personaggi odiosi. Bene in questo capitolo non manca nulla di tutto ciò, e ovviamente non vi dico nulla sul climax, ma sappiate che se cercate quelle cose, sarete accontentati. Il problema è che nei precedenti film, quando introducevano dei personaggi, vedi  Costas MandylorDina Meyer, o il Shawnee Smith...tutti questi si trascinavano per diversi capitoli prima di schiattare, mentre la trama di questo nuovo capitolo, può tranquillamente iniziare e finire qui. Se così fosse abbiamo tra le mani un film fatto nel 2017 solo per il 2017. Per racimolare quei 4 soldi (tenete conto che è costato 10 milioni), far ascoltare ai fan nuovamente il solito tema musicale, e rivedere il faccione di Tobin Bell. In questo caso, funzionerebbe pure. Se invece vuole essere una ripartenza per una nuova saga sull'Enigmista, allora finiremo presto nella zona direct-to video. Jigsaw non ha più nulla da dire secondo me. Abbiamo esplorato tutti gli aspetti della sua vita, e non solo, anche quella dei vari "discepoli". Sul fronte tecnico nulla da dire, dirigono i fratelli Spierig, quelli di Daybreakers, che non sono malaccio, eppure la saga ha perso quello che mi piaceva di più: il tocco rozzo, sporco e marcio. Ogni ambiente ora è pulito, costruito a norma, nulla a che vedere con i film precedenti (fino al sesto). Come se non bastasse anche il montaggio è diventato più sobrio, perdendo quella componente videoclippara nata da James Wan. Oh, per carità, a qualcuno potrebbe piacere di più così. VOTO: 3 /5


JUSTICE LEAGUE

Ecco questo è uno di quelli. Un film che cattura tutti i miei eroi dell'infanzia, e li butta in un film da due ore e mezza. Dieci anni fa avrei fatto le capriole. Ora invece non mi carico nemmeno più di tanto. L'ambiente ormai è così saturo di Cinecomix, che francamente non se ne può più. Non dico che deve uscire un solo cinecomix all'anno, ma bastano un paio per la Dc e un paio per la Marvel. Qui se un poveraccio non può andare al cinema per sei mesi, arriverà al punto che si trova un Thor 3, i guardiani della galassia 2, Wonder Woman, Logan, Spiderman Homecoming, Justice League, e senza contare le serie tv! Che tra Agent of Shields, Defenders, Inhumans, Legion, Punisher, Flash, Arrow, Supergirl, Legends of Tomorrow, non si capisce più niente...La morale di questa intro è: Non mi aspetto più di vedere un filmone come si deve con i supereroi. Cosa deve avere un film con i supereroi? Gli effetti speciali devono essere all'altezza, per garantire le capacità fuori dal comune dei nostri protagonisti, che compiono azioni che difficilmente vediamo tutti i giorni. La colonna sonora deve essere epica. Il Villain deve essere una minaccia tanto carismatica quanto i protagonisti. Anzi a volte il villain se è più figo dell'eroe ci guadagniamo pure. E sopratutto, alla fine della storia, dobbiamo avere un messaggio. Film come Spiderman 2 di Sam Raimi o X-men 2 di Bryan Singer, avevano tutto questo. Andando indietro c'era il Batman di Burton o il Superman di Donner, che invece sono nei nostri cuori per altri motivi. Oggi a cosa siamo arrivati: Film con lo stampino. Non mi aspettavo nulla da Justice League. Volevo solo entrare in sala, vedere Batman che tira due cazzotti, la batmobile, e magari qualcosa di figo con Flash in fatto di azione. Poi certo, lo sapevano anche i muri che ci sarebbe stato Superman, e una mega battaglia finale con l'azzurrone non mi sarebbe dispiaciuta. Sono stato ripagato? Si. Ha senso fare delle critiche su un film di questo genere? No, se hai più di 15 anni. Certo, leggete un blog di un cazzone che scrive cosa pensa sui film che ha guardato e volete un parere, e posso accontentarvi, ma finisce lì. La mia opinione non vale assolutamente nulla, può essere solo una lettura che vi fa riflette da un altro punto di vista. E mettiamola così: Il film parte benissimo. La scena sui tetti con Affleck pienamente nel personaggio del cavaliere oscuro è spettacolare. E' come un episodio della serie animata, ma più dark. Perchè Zack Snyder come ho detto mille volte in barba hai suoi detrattori, se c'è qualcosa che sa fare, è pompare le immagini fino a renderle videogiochi iperealistici. Certo, Kubrick vomiterebbe nella sacca dei pop corn, così come un purista del cinema, ma in un film per ragazzini che racconta di tizi con strani costumi, che chiave volete usare? Comunque sia, c'è questa minaccia che sconvolge Wayne al punto da radunare tutti i supertizi che trova in giro, e una volta fatto...niente non ce la fa. E la prima ora di film passa così, tra il mediocre e il noioso, in una copia di Avengers, ma senza i colori e l'energia di Avengers. Il secondo tempo, arriva Superman, che accende un pò la scintilla in tutti i fan, fino al finale dove la Computer Graphic regna sovrana, ma non importa visto che gli eroi sono in posa, in quell'inquadratura da cartoon che abbiamo sognato per chissà quanti anni. Adesso, possiamo passare ore a sottolineare i problemi del film, i più evidenti secondo me, sono una trama debole, con un villain completamente privo di interesse, e in parte è anche dalla scelta di renderlo in CG, come il Doomsday del precedente Batman vs Superman. Se un personaggio è reso al computer, o è un Kaiju come Godzilla o King Kong, oppure deve avere battute e mimica incredibilmente convincenti come il Gollum del Signore degli Anelli. Mentre tutte queste porcherie moderne, mi dispiace ma non mi toccano proprio. L'epicità? Quella c'è, e le musiche di Danny Elfman ogni tanto mi hanno fatto sentire i temi dei film originali, ma forse stavo sognando. Alla fine, mi duole dirlo, ma le scene migliori sono tutte quelle con Superman, con tutta la sua stronzaggine. Si, poi c'è la storia dei baffi cancellati digitalmente, che effettivamente ora che lo sappiamo da proprio fastidio. Però crescete, accidenti - senza internet non avreste avuto niente da dire. Sul fatto della disgrazia di Snyder con la perdita di sua figlia non vi ha fatto riflettere? No, vi basta solo leggere che Joss Whedon ha rigirato alcune scene perchè Snyder non se la sente. L'empatia qualche leone da tastiera non sa nemmeno cosa sia. Nel film si vedono momenti diretti bene, altri diretti per lavoro, e altri disimpegnati. Penso che possiamo vedere in ordine lo Snyder carico e cazzuto, lo Snyder disilluso e triste, e il Whedon che cerca di buttarla a ridere. Fatevi i vostri conti. Ah,e comunque bellissime le scene dopo i titoli di coda. VOTO: 3 /5


ALWAYS WATCHING

Film comprato in blu ray a scatola chiusa da Pamela, sfruttando qualche promozione scema in un centro commerciale. Cosa ci propone? "Il film sulla leggenda metropolitana dello Slender Man!". Va bene, bazzico nel genere e ho sentito più o meno di cosa parla, so com'è fisicamente il personaggio, ma non ho giocato mai al videogioco (era un videogioco, giusto?) ne tanto meno mi sono mai avventurato sul territorio delle creepypasta. Ma se si tratta di un film, eccomi quà. E pigiamo play. "Oh cazzo, no. è un mockumentary". Ci prepariamo a quello che sembra - e che in effetti sarà - a 90 minuti di riprese con telecamere e telecamerine senza mai vedere veramente un cazzo. Infatti i nostri protagonisti (guarda un pò) lavorano in un team televisivo, e si stanno occupando sul caso di una famiglia scomparsa. Entrano in casa loro, riprendono qua e là, trovano delle registrazioni e iniziano ad analizzarle. Nel girato ovviamente c'è il fantasmino, vestito proprio come lo Slenderman, in giacca e cravata ma senza faccia, e appare e scompare a piacimento, finchè non fa scomparire pure i membri della famiglia. Ovviamente se la prenderà con il trio, iniziando proprio dal cameramen/montatore. Poi si, c'è anche la sotto trama di quest'ultimo che corteggia l'unica ragazza, la Alexandra Breckinge di American Horror Story: Murder House e Waking Dead (mica scemo), ma questa si caga di più l'amichetto. Ma diciamolo pure, che a noi frega poco, e vogliamo giusto vedere qualche scena "horror", cosa che accade, giustamente come solito in queste produzioni- solo alla fine. Momenti di panico per me quando vedo comparire per due fotogrammi Angus Scrimm, il Tallman di Fantasmi, deceduto nel 2015 che infatti è la data di uscita di questo film...Per un attimo pensavo che avessero filmato un fantasma vero, e invece no, maledetta ancora una volta la distribuzione italiana che mi fa prendere certi colpi. Ah, ultima chicca, scoperta nei titoli di cosa. Lo "slenderman" che per evitare casini con i diritti (esistono?) del personaggio originale - è menzionato come "The Operator" ed è interpretato da Doug Jones, attore feticcio di Guillermo Del Toro. VOTO: 2 /5


BAYWATCH

Accidenti, se è scemo forte stò film. Badate, non brutto, ma scemo. Non sono un fan della serie Baywatch, e a dirla tutta cambiavo canale quando per sbaglio lo incrociavo su italia 1. Però se in un film c'è The Rock, oggi vuol dire garanzia di tamarraggine. Cosa che già prometteva il trailer. A palate. Poi ci mettiamo Zac Efron, giusto per tirare dentro tutte le ragazzine possibili, e per i maschietti... c'è Alexandra Daddario. Si, in un certo senso si può fare. Allora, Dwayne "The Rock" Johnson interpreta Mitch, questo bagnino spaccaculi 100% american (integrato con la cittadinanza), e già solo il salvataggio iniziale con lui che esce dall'acqua con la scritta del film in 3D che viene fuori dallo schermo promette truzzaggine. Poi arriva Zacchino, come lo chiama Pamela, che da atleta olimpionico fuori dai giochi perchè ha vomitato in acqua, decide di fare il bagnino, in un contest (!), dove partecipano anche la Daddario e un poveretto che non ha nulla da spartire in bellezza o addominali con il resto del gruppo. Si, è il personaggio per attirare anche l'uomo medio, non l'avevo detto. In una trama così iniziano a piombare gag, su gag, su citazioni, su equivoci, su altre gag, e così via per due ore. Ah si, c'è anche l'azione, con sparatorie, inseguimenti e bazooka. Il tutto per un film realizzato a tavolino per il pubblico americano, che probabilmente avrà anche ad un sequel. Risate? se siete fatti di zuccheri e coca coca, forse, ma c'è anche un minimo di volgarità, come la scena dell'autopsia con Efron che deve toccare un pene mentre Johnson gli fa la foto e la mette su instagram. Se volete la mia però, e mi chiedete una scena comica in una sala d'obitorio, io ti sparo il secondo episodio della seconda stagione di Ash vs Evil Dead, o tutto il primo Re-Animator. Se poi rompete le palle perchè sono horror puri, allora ti lancio Frank Oz su Amore all'ultimo morso. Ma andiamo, due uomini che toccano un pisello per fare una foto, è una cosa alla Seth Rogen/Johna Hill. Cosa c'entra con Baywatch? A una certa arriva anche il Mitch originale, David Hasseloff, che viene a chiederglielo. Non proprio utile per risollevare un film, ma mai come la comparsa finale di Pamela Anderson, che scuote la chioma e non dice una battuta. 5 secondi su schermo in due ore, e il suo nome è nei titoli di testa. Nei titoli di testa mi è sembrato di leggere Eli Roth tra i produttori esecutivi. Speriamo di aver letto male. VOTO: 2.5 /5 il mezzo punto è per la Daddario che si apre la camicetta mostrando il reggiseno per far cadere un tizio sulla moto.


BATMAN RETURN OF THE CAPED CRUSADERS

Partiamo dal fatto che solo l'idea è semplicemente bellissima. Tirare fuori un lungometraggio animato sul Batman della nostalgica serie tv anni 60, anche per staccare dal cumulo di film della DcAnimated. Quindi un applauso, se non altro di incoraggiamento, per l'intuizione. Ora però, facciamoci due conti. A chi può interessare un prodotto simile? Non ai fan di Batman cresciuti con Burton, ne' tanto meno quelli devoti a Nolan, e assolutamente impensabile verso gli ultimi arrivati con Snyder o i videogiochi ps3/ps4. Eppure c'è quella fascia (Adulta), che dopo essersi subita tutto questo, vorrebbe tornare indietro, e ricordarsi di Adam West e Burt Ward. Bene, è esattamente a loro che è rivolto questo film. E ai bambini, ovvio. Ci sono sempre i bambini. La trama è semplicemente fuori di testa, con il Pinguino, Catwoman, Riddler e Joker che vogliono rubare un'arma a raggi in grado di duplicare cose e persone. Batman e Robin ovviamente li fermeranno, ma ad una certa, il cavaliere oscuro, sotto l'influsso di una pozione di Catwoman, diventa malvagio, ruba l'arma e decide di moltiplicarsi, in quanto cittadino modello, creando una Gotham di soli Batman. Ma non finisce qui. Non vi tolgo tutte le sorprese, ma sappiate che se apprezzate gli elementi weird della serie tv, qui li hanno messi tutti. Un'infinità di omaggi e citazioni che spaziano su tutto. Batman riceve una botta in testa e vede 3 catwoman (tutte e tre le attrici della serie tv), c'è la Batdance, la donna gatto si spara le pose durante le scene di lotta, Robin cerca di risolvere gli indovinelli, il batcomputer, Zia Agata, l'infame scalinata con la corda, ma non solo, si omaggia l'ultimo capitolo di Nolan, con Catwoman che vuole andare in Italia a bere un aperitivo con Bruce, per non parlare della citazione aperta del Batman di Frank Miller, con tanto di frase "questo è un tavolo operatorio, e io sono il chirurgo", che alla bocca di Adam West suona parecchio strana. E anche sul doppiaggio mi soffermerei. Io l'ho visto in bluray con il doppiaggio italiano, pertanto Batsy era, giustamente Marco Balzarotti, ma ho provato anche a vedermelo in inglese, giusto per risentire la mitica coppia. E purtroppo mi duole dire che Adam West- che riposi in pace, proprio non ce la faceva più. La sua voce era veramente stanca e sparare una frase tipo "you wanna get nuts" per citare Burton, era quasi ridicola su un cartone con un Batman giovane. Molto meglio allora Peter Weller per il Dark Knight Returs. VOTO: 3 /5

E qui mi fermo, per ora.
Sono felice di aver condiviso con voi lettori i miei pensieri su questa passione tanto sconfinata verso il cinema, è stato un 2017 carico di momenti magici, che ovviamente non dimenticherò mai. Anche perchè tra questo blog, la pagina Fb e il canale youtube, abbiamo le prove!
Auguro a tutti voi un felice anno nuovo, dove vi do appuntamento per i film che ho visto al calduccio sul divano nel mese di Dicembre!
Stay HorrorNerds!

6 commenti:

  1. Sei stato troppo buono con quella ciofeca di Saw Legacy, per me tra i peggiori di questo 2017, film inutile, superfluo che non ha nulla da dire e non ha ragione di esistere, la saga di Saw mi era piaciuta tutta e si era chiusa assai degnamente, perchè fare una sorta di sequel/quasi spin off dopo anni??? Oltre al fatto che la trama è scritta malissimo, buchi di sceneggiatura grossi come crateri, un finale patetico e il tasso di violenza ai minimi storici con tanto di effetti gore in digitale.... Davvero da cestinare e spero che non ne facciano più, che non stiano a rovinare una saga che comunque era riuscita sempre a mantenersi su ottimi livelli.


    PS Jeepers Creepers 3 l'hai visto??? Me ne han parlato tutti male, io aspetto che esca da noi, anche se dubito che arrivi in sala, mi sa che uscirà solo home video, gia negli USA è uscito per una sola sera al cinema e poi dato subito sul canale Syfi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jeepers Creeper 3 l'ho visto ai primi di Novembre. 2 giorni dopo avevo Johnatan Brek davanti a me e sono riuscito a trattenermi a chiedergli che cazzo è successo con quel film. Voglio rivederlo prima di parlarne perchè davvero è qualcosa di veramente brutto. Devo trovarci qualcosa di buono, sperando che ci sia.

      Elimina
    2. azz, peccato :-( era un film che doveva essere fatto bene dopo tutti questi anni di attesa e invece...ad ogni modo lo guarderò anche io, come ho detto aspetto ancora un po, ma di certo non me lo lascerò sfuggire, anche ammetto che l'interesse sta calando dato che non ho trovato NESSUNO che ne abbia parlato bene

      Elimina
  2. ti consiglio "Brawl in cell block 99" di Craig S. Zahler (quello di Bone Tomahawk). Non è propriamente un horror nè un prison movie, ma ghiaccia il sangue come pochi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo cercherò! Grazie mille :-)

      Elimina
    2. Ad aprile il film uscirà in italia, solo in home video col titolo CELL BLOCK 99 - NESSUNO PUO' FERMARMI, non l'ho ancora visto, a sto punto aspetto che esca in italiano, due miei amici lo hanno visto alla mostra di venezia e mi hanno detto che è bellissimo ;-)

      Elimina