martedì 30 gennaio 2018

|Recensione| Jeepers Creepers 3 - è tempo di parlarne.

La sincerità prima di tutto: Ho visto Jeepers Creepers 3 almeno 2 mesi fa, e non mi aveva colpito in maniera positiva, nossignore. Eppure ho voluto aspettare prima di parlarne, ho voluto metabolizzare, riflettere. E in questi giorni gli ho concesso una seconda visione, questa volta in salotto, in dvd, con birra e pop corn. Ma andiamo con ordine.



Per quei pochi che non conoscono Jeepers Creepers, sappiate che è uno dei pochi film decenti post 2000 che è riuscito con successo a tirare fuori un nuovo boogeyman sufficientemente interessante da immortalarlo nell'immaginario collettivo, che a sua volta ringrazia con fan art, cosplay e action figures un pò come nella seconda metà degli anni 80 accadeva con Freddy & Jason. E' il discorso che faccio sempre - al giorno d'oggi si è persa quella serialità, quella voglia di vedere un "mostro" tornare sullo schermo per fare quello che gli riesce meglio. E se questa voglia manca, è sempre perchè il film è una merda.
Ma fortunatamente non era il caso di Jeepers Creepers, e parte di questa riuscita era sicuramente del cast e del regista. Sui primi posso ricordare Justin Long (Die Hard 4, Drag Me To Hell) e Gina Philips (mi viene in mente solo l'orrido La Casa della peste), nei panni di fratello e sorella braccati senza tregua in questo strano road movie, proprio da una creatura misteriosa, che sniffa i vestiti in cerca della paura. E soffermiamoci sulla creatura, cupa, ben curata, e interpretata magnificamente da Johnatan Breck.


Il background non era chiaro. Sappiamo che va in giro con un camion, che cattura le vittime più spaventate per prenderne gli organi con il quale riesce a rigenerarsi, e che ricuce il resto delle carcasse per abbellire la sua tana sotterranea (Daryl, il personaggio di Justin Long, la definiva "una versione allucinata della cappella sistina"). Sapevamo che si sveglia ogni 23 anni e che resta nei paraggi per la sua caccia circa per 23 giorni ma nient'altro. Nessuna spiegazione.
Era il 2001 e questo ci bastava. Nel 2003 arriva un sequel, che nulla aggiunge e nulla toglie a questo bastardo, se non qualche effetto speciale in più e un sensibile cambio di registro che deraglia sul film-assedio mescolato con un teen movie. Lì infatti c'erano dei giocatori di pallacanestro bloccati su un pullman. Persino il Lealand Palmer di Twin Peaks s'incazzava come un toro in questo film, specie perchè perde un figlio e non sa esattamente chi sia stato e perchè, ma anche in questo caso chi se ne frega, visto che i primi 5 minuti erano un cortometraggio perfetto a sè. Eppure mancava qualcosa che tutti volevamo. Il maledetto background della creatura, per filo e per segno, che il regista prometteva ogni volta nel prossimo film.

IL REGISTA

La felice intuizione per le avventure del Creeper era venuta a Victor Salva, un uomo con un modo di fare tutto suo. La mica tanto felice storia dietro la sua carriera invece è un altra cosa. Salva si è fatto conoscere nell'89 con Clownhouse, un film dove tre ragazzini vengono assediati in casa da 3 galeotti che hanno accoppato 3 clown per prendere i vestiti. Carino, simpatico, ma robetta. Però in quell'epoca Salva venne accusato di pedofilia da uno dei ragazzini. e oggi apriti cielo, che dopo il caso Weinstein verrà fuori che chiunque sia stato molestato una volta nella vita. Ma seriamente, non voglio prenderne le difese: Victor Salva non ci stà con la testa. E' un uomo malato, molto malato, e la creatura del Creeper non è altro che la malattia nel suo cervello che si è fatta realtà. 



Il creeper se non vi siete accorti, preferisce sempre gli uomini tra le sue vittime, ne sniffa le mutande, probabilmente predilige i teenager oliati in maniche corte, lecca il vetro del bus per far paura, ma forse è una minaccia sessuale, a uno gli fa il gesto della pistola stile Charles Bronson, ma chissà che in realtà non intendeva qualcosa tipo "ti scopo dopo". Vogliamo parlare anche della terza narice a forma di vagina che ha sul naso? O del fatto che su un coltello ci incolla l'ombelico di un ragazzo? Insomma, se pensavate che Freddy Krueger fosse il più porco, attenzione, avete un altro partecipante. L'altro problema di Salva però, quello che interessa a noi, è che prometteva in continuazione un terzo film dedicato solo alla creatura. 

GENESI

In principio doveva chiamarsi Jeepers Creepers 3 - Cathedral, e si sarebbe concentrato proprio sulla chiesa vista fugacemente nel primo capitolo. Poi invece si pensava che fosse ambientato nel far west, dove magari avremmo visto per la prima volta il Creeper quando era un umano. Lo era? Lo è mai stato? Johnathan Breck che recita senza trucco nel far west? Perchè no, ci poteva stare un horror-western. Poi il silenzio, il film che non parte, Salva che realizza una porcheria thriller-sovrannaturale con Rose McGowan, che non ha senso visto come l'attrice sia incredibilmente attiva con i movimenti femministi, e non credo che guardi di buon occhio i pedofili, come potete vedere dal suo account Instagram. Comunque sia, il silenzio. Poi tutto in un colpo, spunta questo Jeepers Creepers 3.

IL FILM

Il film non è un prequel, non è un sequel e ancora una volta sapremo un accidenti sulla creatura. Forse è meglio così, o forse non sa neanche il regista-scrittore che accidenti sia il suo mostro. Si piazza invece pochi istanti dopo il primo film, e si concluderà poco prima l'inizio del secondo film. Un interquel, insomma. Era necessario un film così? Un terzo capitolo secondo me SI, ma come questo proprio No. Inizia con la polizia che requisisce il furgone della creatura, e non senza sforzi in quanto quella carretta è più accessoriata della Batmobile. Minuti dopo, come immaginate, il creeper fa la sua comparsa e si riprende quello che è suo. Può andare. Ci presentano i nostri personaggi, con lo zombie di Meg Foster (Le streghe di Salem, Essi Vivono, anche se in principio il ruolo era di Adrienne Barbeu, non che cambi molto) che parla col fantasma del figlio morto. Come immaginate aveva avuto un diverbio col Creeper 23 anni prima. 



Spunta anche la nipotina (Grabrielle Haugh, al cinema con The Midnight Man) che invece ha problemi più grandi, tipo come sfamare il cavallo nonostante non abbiano un soldo bucato, e in città nessuno gli fa più credito.



Allo stesso tempo, la polizia si rivolge ad un clone di Steven Williams di Venerdi 13 parte 9. Seriamente, sembra Craighton Duke: è nero, pizzetto bianco, orecchino da checca, cappello da cowboy e impermeabile lungo. E indovinate un pò, proprio come Duke conosceva Jason, stò tizio conosce il Creeper. Entrambi hanno avuto una sceneggiatura diversa rispetto agli altri personaggi. 



Andando avanti nel film si intrecciano più trame, in sequenza: 
1) La polizia che assume una squadra anti-creeper che intende ucciderlo con una mitragliatrice Vulcan posta su un camion.



2) Il ragazzo più lentigginoso che abbia mai visto (più spaventoso del mostro) che fa la corte alla Haugh ma si caga sotto quando vede il Creeper e non fa un cazzo per salvarla.



3) Meg Foster che gioca con una mano mozzata che si agita per aria manco fosse il reperto di Evil Dead 2 ancora incazzato perchè l'hanno rimpiazzato nella serie tv.



4) Teenager a caso che giocano a rincorrersi con le moto finchè non decidono di andare a rompere le palle proprio a quel tipo di furgone con la targa strana.



Questa serie di eventi è ovviamente incastrata in una struttura a spirale fino all'epico finale che però rimane in sospeso, agganciandosi senza motivo a Jeeeprs Creepers 2.

RECENSIONE

Il motivo di tante riflessioni per me, era cercare di non vedere il film per quello che non è stato. Volevo un prequel e non sono stato accontentato. Pace. Vediamo cosa mi proponi. E quello che ho visto non è stato nulla di eccezionale, e confermo che sia il capitolo peggiore della trilogia (per ora). Tanto spazio per il camion del Creeper che non ho capito bene con quale tecnologia aliena funzioni. Tanto per cominciare lo ricordo marroncino arrugginito nel film precedente (cioè qualche ora prima), ora è completamente blu con due brutti schizzi di vernice gialla e marrone. Poi ci sono i gadget. Oh mio Dio. Ci sono degli spuntoni sulle porte posteriori che funzionano a volte si, altre no, altre volte a scoppio ritardato. Insomma sono senzienti. Le porte poi si aprono con dei colpetti alla Fonzie di Happy days, e udite udite, sotto il furgone c'è una zona che spara palle di esplosivo radiocomandati oltre ad un arpione impossibile - che anche quello dio solo sa come funziona. Il Creeper, diciamolo, si è cambiato maglietta tra un film e l'altro, e ha acquisito in via eccezionale il dono della telecinesi (o la "forza" di Star Wars, fate voi), in quanto le accette gli ritornano alla mano, così come qualcuno dal furgone gli passa la lancia. Questa fin'ora è la parte seria. Poi ci sono i tocchi di comicità VOLONTARIA, come il Creeper che una volta presentati tutti i suoi trucchi, dopo una battaglia finale dove esce un pò ammaccato, non riesce ad inseguire la sua prigioniera in quanto non gli funziona niente. Un occhio gli salta con il suono "POP!" come nei cartoni animati, e quando cerca di prendere la mira non ci riesce perchè mira con l'occhio mancante. Inciampa nel suo furgone, vuole volare ma ricasca per terra che un ala non funziona, insomma mancava solo la musichetta di Benny Hill Show



Voi potete capire, che questi elementi totalmente assenti nei due film precedenti, sono come un calcio nei coglioni ad uno che si aspetta un horror come si deve. Sul serio, è come andare al cinema a vedere Insidious 4 e nella parte finale davanti alla creatura che è il piatto forte partono delle gag da tex avery show. Metteteci che due giorni dopo ad una convention ho avuto davanti Johnathan Breck in persona, e come stracazzo facevo a trattenermi a non dirgliene quattro? Mi sono trattenuto. Più o meno.


Non che sia finita bene.
La parte centrale del film è tutta di giorno, e il creeper in piena luce perde parecchio. Gli effetti speciali, porca miseria. Il fuoco delle armi è in computer graphic, così come l'arpione, la lancia, i dardi, la terza narice, le ali del creeper, gli sfondi ogni volta che sono in auto, le bombe micatantointelligenti a forma di palla, tutto di una povertà assoluta. 



Vi dico solo che per inquadrate un camion che si schianta sulla paglia, inquadrano un altra persona che fugge mentre si arrampica sulla paglia, per poi far sentire solo l'effetto sonoro dello schianto, e poi quanto scende c'è il camion parcheggiato con del fumo al computer. Senza stacchi, è vero, però cazzo. Dopo tutto questo, è così pessimo Jeeepers Creepers 3? Non è proprio tutto da buttare, ma purtroppo non è all'altezza delle aspettative. Di qualunque aspettativa.

CONCLUSIONE

La terza avventura del Creeper è poco chiara, e nonostante alcune inquadrature non sono male per niente, come la camera che segue dal basso il creeper di spalle con l'ascia alla mano, o ancora quella dove salta al rallentatore verso la mitragliatrice Vulcan, mi duole dirlo ma ne sono uscito deluso.



Abuso della slow motion, sottotrama della mano mozzata completamente senza senso, lo sceriffo si salva perchè...bhò, così come la Haugh, e quando il Creeper legge il biglietto "sappiamo cosa sei" e urla facendo cadere i corvi, io sinceramente non c'ho capito un cazzo. Sono un fan semplice, e posso perdonare tutto, mi faccio passare la computer graphic che tanto è ovunque, mi faccio passare le gag, così come la trovata dei gadget, però la mancanza di una storia no, eh. Se non hai la storia, non fare il film. Se hai la storia ma non hai i mezzi cerca di adattarti come puoi o non farla per niente. Ma far aspettare 15 anni i fan senza avere nulla da dire, ma solo come fan-service, è una presa in giro. E la comparsata finale è la conferma di come Victor Salva se la stia ridendo, in barba ai detrattori. VOTO: 2.5 /5 (Aggiungete o togliete un altro mezzo punto a piacimento)


Detto questo, mi dite chi cazzo guida quel furgone se il conducente è sul tetto?

9 commenti:

  1. azz, avessi letto una recensione positiva su sto film, peccato, i primi due mi piacciono molto, ancora aspetto a guardarlo, voglio vedere se da noi arriva, almeno in home video, se vedo che tarderà ancora molto allora lo recupero, ma effettivamente mi sta passando la voglia dopo tutte ste stroncature :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho i miei dubbi che esca in italiano, però lo devi vedere lo stesso. Per completezza almeno.

      Elimina
    2. beh perchè dai, i primi due sono usciti in italia anche al cinema, il 3 magari arriverà direct to video come negli USA che è uscito limited una sola sera in sala e poi subito in home video, in fondo il creeper è abbastanza noto anche nello stivale ;-)

      Elimina
  2. Come ti dicevo nell'altro post ho scoperto una cosa su questo film: dunque, la versione che ce in rete coi sub ita è una versione più corta di quasi 10 minuti perchè è la versione trasmessa dal canale syfi che infatti aveva tagliato la pellicola di alcune scene, ora da youtube ce la versione ufficiale che infatti dura 1h e 40 solo che purtroppo non ha i sub ita, quindi tocca aspettare o che ricaricano in rete questa versione ufficiale integra o che qualche anima pia tipo la midnight factory lo porti da noi almeno in dvd. QUesto era per dire che magari il film risulta bruttino per via dei tagli subiti dal canale tv, magari la versione integra è più chiara e ben fatta, io ancora comunque non ho visto il film quindi non saprei dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ti confermo che l'ho visto in versione dvd, da 1 ora e 40. Quindi...ahia.

      Elimina
    2. ah ecco, come non detto :-( a sto punto mi sta veramente passando la voglia di vederlo

      Elimina
  3. Ok l'ho recuperato, che dire proprio robetta, si lascia anche vedere, qualche scena caruccia c'è e il Creeper è sempre ganzo, ma aspettare 15 per trovarsi davanti un filmettino ino ino come questo, beh rattrista non poco. La messa in scena e povera e la sceneggiatura fa acqua da tutte le parti, già l'idea di fare un film a incastro tra i primi due non ha molto senso, potevano benissimo fare il sequel del 2 vero e proprio, inoltre sto finale aperto lascia presagire un quarto film, ma dubito che mai lo faranno vistro il riscontro negativo di questo film.

    Peccato, filmetto da sufficenza attacata con lo sputo, mentre i primi due (il 2 in particolare) erano dei gran bei filmozzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è avanti anni luce rispetto a questo. E non è nemmeno una questione di budget, secondo me è proprio Salva che ha avuto un paio di colpi fortunati...

      Elimina
    2. Esattamente, Salva alla fine è un mediocre, oltre alla saga del creeper ho visto Rosewood Lane e Clownhouse e sono entrambi osceni, i primi due Creeper sono stati una momentanea ottima intuzione che purtroppo è già sparita

      Elimina